“Quell’idiota di nostro fratello” (Jesse Peretz)

Quell'idiota di nostro fratello

“La luce e la divertente commedia di costume con protagonista un simpatico Paul Rudd, la cui presenza non è sufficiente per affrontare la carenza di luminosità di un trattino monotono.”

L’emergere nelle ultime due stagioni di Amici, sono stati il riconoscimento definitivo nella carriera dell’attore comico americano Paul Rudd. Scoperto nel Fuori onda (Clueless, Amy Heckerling, 1995), Rudd ha trovato il costante percorso di valutazione, e di successo, grazie all’, in primo luogo, la loro partecipazione al nome popolare serie tv americana, secondo la vostra consueta collaborazione con il nuovo patron della commedia attuale: Judd Apatow. Film come Vergine a 40 (40 anni Vergine, 2005) o molto incinta (2007) hanno scavato un solido stato, sempre come secondario, in genere, che ha reso possibile occupare ruoli principali. Questo è il caso del nastro di oggi, la Nostra Idiota (Fratello di Jesse Peretz, 2011), un prodotto al servizio dell’attore dal New Jersey, che ha debuttato la scorsa estate dall’altra parte dell’atlantico, con un buon padrone di casa.

Quell'idiota di nostro fratello

Il nostro Idiota Fratello è imperniato sulla figura di Ned (Rudd), un ingenuo hippie che viveva in una fattoria di prodotti biologici che, per le vicissitudini della vita, è costretto a rispettare convinzione. Dopo il suo rilascio, spogliati dei loro beni, torna alla sua città natale con sua madre e le tre sorelle (interpretata da Zooey Deschanel, Emily Mortimer e Elizabeth Banks). Il vostro soggiorno nella grande città, genera numerosi problemi e disaccordi. Innocente e spensierato, Ned scontro con uno stile di vita sfrenato e cinico come indicato nelle figure familiari di sesso femminile. Tutti ritratti con un certo alone di magia dove si mostra la dicotomia tra naturalezza e l’aspetto. Il film diretto dal giovane regista Jesse Peretz, è ricco di buone intenzioni, ma nessuno di loro arriva a un buon porto, nonostante l’ottima interpretazione della sua protagonista.

Il nostro Idiota Fratello bevande dallo stile della commedia di Apatow, in particolare dei loro errori. La storia manca l’artiglio, nonostante la sua originalità iniziale e per la tenerezza che suscita nel pubblico il personaggio principale. La narrazione abbastanza lineare, dà origine a un dramma tragicomico del tutto superficiale. Cosa che contribuisce alla assottigliato disegno dei personaggi secondari. Il contributo di Zooey Deschanel, Emily Mortimer, Elizabeth Banks, Hugh Dancy e Rashida Jones è ridotto a una montagna di luoghi comuni e una certa aria di catalogo delle varietà. Notevole nella confezione, ma inefficace nel loro messaggio, diventando pericolosamente vicino alla valutazione dei telefilm. Un nastro è minore che in il vecchio continente e svanire come i neuroni del protagonista. L’ingenuità di questo è semplicemente che domina il ritmo della trama, scoprendo le loro debolezze e lasciando la sensazione di inconsistenza.

Jesse Peretz

Jesse Peretz Non anche il contributo per il nostro senso dell’umorismo lascia in un altro momento degno di nota. La “gag” sembra contagocce, in modo irregolare, e poco ispirato. Tutti con un’aria di “ingenuo” e ‘ carino, ma insufficiente in un momento in cui il sensazionalismo, è la chiave del successo. Nonostante questo, il Nostro Idiota Fratello è divertente e leggero. Ideale per qualsiasi lungo pomeriggio di domenica. La semplice presenza di Paul Rudd non giustifica la loro visualizzazione, ma, se egli rivela che lui è un interprete molto da prendere in considerazione nei prossimi anni. Il suo è un film che avrebbe sposato alla perfezione negli anni novanta. Ora si tratta solo di una piacevole anacronismo in un film schifoso e vigoroso racconto impostado.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *